, ,

Siringa nel parco di Villa Vogel, punta una bambina: il racconto dello zio

E’ successo ieri sera alle 23, l’ago ha sfondato il sandalo e raggiunto il piedino

Si è messa a piangere all’improvviso, perché aveva sentito qualcosa bucarle il piedino. Non era purtroppo la puntura di un insetto, ma una siringa abbandonata nel parco di Villa Vogel. La piccola, quattro anni e mezzo, stava tornando alla macchina insieme ai genitori, agli zii e al cugino ieri sera intorno alle 23. Gli adulti non hanno capito subito quello che era successo, ma poiché era già capitato in passato di trovare siringhe tra l’erba, sono tornati sui loro passi facendosi luce con gli smartphone. E l’incubo è diventato realtà quando hanno trovato una siringa che non aveva più l’ago. Solo allora, avvicinando le torce dei telefonini al sandalo della piccina, si sono accorti che si era conficcato lì e che aveva raggiunto il piede. Subito la corsa al Meyer, dove la bimba è stata sottoposta ai primi esami. L’ospedale pediatrico riferisce che la piccola paziente è stata dimessa dal pronto soccorso e presa in carico dal centro di malattie infettive. Come prevede il protocollo in questi casi, dovrà ripetere periodicamente le analisi del sangue per un periodo di sei mesi. I medici ritengono comunque molto basso il rischio che possa aver contratto delle malattie infettive.
ASCOLTA Il racconto di Claudio, lo zio della bambina.

Lascia un commento