, ,

L’ex comandante: “Vedo poca organizzazione della municipale”

L’intervista a Vincenzo Recchi, per 14 anni alla guida dei vigili fiorentini

“Credo che il problema sia nell’organizzazione, dall’esterno vedo un corpo disorganizzato”: a dirlo Vincenzo Recchi (in foto assieme a Marcello Mancini), per 14 anni comandante della polizia municipale fiorentina, dal 1983 al 1997. Recchi è stato ospite nel gr del mattino. “Oggi la polizia municipale svolge servizi che una volta non svolgeva – spiega – penso che forse gli appartenenti alla municipale non sono preparati a svolgere questo tipo di servizi”. Per Recchi “Forse la sindacalizzazione ha portato ai ‘dipendenti comunali in divisa’. Ai miei tempi c’era una differenza tra dipendenti comunali e vigili urbani. Oggi la differenza è che questi hanno la divisa e gli altri no. Mancano quelle qualificazioni anche da un punto di vista economico che una volta i vigili potevano avere e oggi non hanno. Ai dipendenti comunali non si chiede di fare turni, lavorare la notte e i giorni festivi, fare gli straordinari; ai vigili sì. Al dipendente comunale non si chiede una qualificazione psicofisica che si chiede ai vigili”. Per Recchi “nella nostra città il controllo del territorio si fa raramente, solo in alcune piazze e in alcune zone, mentre dovrebbe essere fatto più spesso. Faccio un esempio, piazza Indipendenza: lì ci vuole una presenza fissa in divisa”. Ascolta e guarda dal gr del mattino.

Lascia un commento