, ,

Più mogli al seguito e tanto shopping: ecco il turista arabo a Firenze

La responsabile marketing di un hotel fiorentino ci racconta i nuovi clienti di lusso

Si muovono tra Milano, Roma, Firenze e Venezia, spendono fiumi di denaro, li potreste incontrare più facilmente a far shopping in via Tornabuoni che non al Duomo o agli Uffizi: sono i turisti arabi, quelli che stanno riempiendo la nostra città di presenze e di soldi. Una tipologia di visitatori che, data anche la profonda differenza di cultura e abitudini, ha imposto agli albergatori di attrezzarsi per le loro richieste. Nell’intervista a Lady Radio la responsabile marketing di un hotel del centro tratteggia l’identikit del turista arabo: distinto, educato, grande passione per lo shopping, è un vero cliente di lusso. Ama i soggiorni lunghi, si sposta con al seguito moglie (o mogli), figli e baby sitter. Per questo chiede più camere – possibilmente allo stesso piano e comunicanti – e tutte molto larghe: probabilmente sceglierà la suite più costosa. Guai a fargli trovare alcolici nel frigobar, gradirà molto un puntatore che in camera gli indichi La Mecca per i momenti di preghiera. Anche in hotel non baderà a spese: chiederà il servizio in camera h24 e, specialmente se c’è il Ramadan, potrebbe domandare colazione o cena in camera prima o dopo il tramonto, fuori dagli orari di apertura della sala ristorante. Ascolta e guarda dal gr del mattino.