, ,

Baldini: “Finchè non si cambierà mentalità, la Juve continuerà a vincere”

Silvio Baldini, allenatore toscano, oggi in forza alla Carrarese, è intervenuto ai microfoni di Lady Radio. Queste le sue considerazioni:

Sulla Carrarese:

“Siamo contenti perché i ragazzi sono cresciuti tutti, ci sono dei giocatori che hanno fatto bel balzo in avanti, ho ragazzi che si sanno gestire anche fuori dal campo, e vuol dire che sono maturi per cercare di raggiungere i loro sogni.”

Sul momento viola:

“Non seguo molto il campionato di Serie A. Si sa che la Juve è la più forte, però posso dirti che le squadre che non sono la Juve, devono puntare sulla qualità del lavoro, dove non puoi arrivare a livello economico. Se hai dei sogni, devi raggiungerli col lavoro, con la qualità. Bisogna cambiare il modo di pensare, bisogna togliere i procuratori dal mondo del calcio. Finché si ragionerà così nel calcio, vincerà sempre la Juventus, non bisogna appellarci più alla scusa dell’arbitro, del non ci sono soldi, perché con la qualità del lavoro si può arrivare ovunque. I giocatori devono allenarsi due volte al giorno, tenersi bene fuori dal campo e non andare a fare le veline il sabato sera. E’ l’atteggiamento mentale che conta, la professionalità.”

Sul calcio di oggi:

“Il livello del calcio è difficoltà per un motivo: perché ci sono i procuratori, che non aiutano i giovani. Prima il procuratore era marginale oggi invece è una figura centrale. Alla Juventus vincono perché ci sono delle regole, alla Juve i giocatori vengono gestiti dalla società e non dai procuratori, e questo è già qualcosa. Oggi i procuratori hanno in mano il calcio, e non va bene.”