, ,

Ladri in casa: cosa fare? Intervista al primo dirigente della squadra Mobile di Firenze

All’interno del Gr del Mattino di stamani abbiamo parlato del tema della sicurezza personale e di legittima difesa.
Tra gli ospiti intervenuti anche il dottor Antonino De Santis, primo dirigente della squadra Mobile di Firenze, al quale abbiamo posto una domanda: se una persona si trova un malvivente in casa propria, cosa deve fare? Come si deve comportare?
“In primis porrei l’argomento della prevenzione. Specialmente per chi si trova in zone isolate, suggerirei l’installazione di strumenti di difesa passiva e sistemi di allarme come deterrente.
Inviterei ad utilizzare il buon senso, cioè a non reagire e cercare di rallentare l’azione dei delinquenti, mostrando di accettare le loro condizioni. Non abbiamo bisogno, in sostanza, di eroi o persone che mettano a rischio la propria incolumità.
L’atteggiamento che suggerisco è quello di non creare una situazione di allarme e di panico all’aggressore, per non stimolarlo a reazioni improvvise che potrebbero essere violente.
In genere i malviventi puntano ad appropriarsi di beni e non ad arrecare del male fisico alla vittima. E’ importante in questi casi annotare tutti quei dati utili alle forze dell’ordine nella fase successiva e memorizzare una serie di particolari: altezza, parlata, direzione di fuga e targa di veicoli eventualmente utilizzati.
Invito insomma ad adottare comportamenti ispirati al buon senso, senza protagonismo, tutelando il bene dell’incolumità personale.”