, ,

Forteto, il commissario: “La commissione parlamentare agevolerebbe il mio lavoro”

Intervista a Lady Radio di Jacopo Marzetti, che ieri ha incontrato l’Associazione Vittime

L’istituzione della commissione d’inchiesta parlamentare agevolerebbe il lavoro del commissario? “Assolutamente sì, tutte le persone che a vario titolo contribuiscono a collaborare con il commissario e con l’azienda sono necessarie per il bene dei lavoratori e della cooperativa e per mettere fine ai fatti che hanno caratterizzato negativamente la compagine sociale”. Così in un’intervista a Lady Radio l’avvocato Jacopo Marzetti, da un mese alla guida della cooperativa il Forteto in veste di commissario. Marzetti in questi giorni sta provando a tessere contatti con le istituzioni per attuare uno dei punti del suo mandato: espellere quei soci della cooperativa che risultano “coinvolti” nel procedimento penale. Una formula che per la verità lascia spazio a interpretazioni: che ne sarà dei prescritti che però dovranno risarcire le vittime in sede civile? O di chi è stato indicato nelle motivazioni della sentenza come testimone inattendibile a pro di Rodolfo Fiesoli? L’altro snodo fondamentale è lo scioglimento dell’Associazione Il Forteto, che riunisce la comunità fondata dal “profeta”. Lo aveva già chiesto al Prefetto il sindaco di Dicomano Stefano Passiatore, e a quanto trapela si tratterebbe di un passaggio strategico in vista delle “pulizie” nella compagine sociale della cooperativa. Marzetti intanto si dice favorevole anche all’ingresso di nuovi soci del Forteto, mentre alla nostra domanda sui controlli di conti e bilanci riferisce di aver già conferito un incarico. Ascolta l’intervista.

Marzetti nella serata di ieri ha poi incontrato l’Associazione Vittime del Forteto che, al termine de faccia a faccia, ha diffuso questa nota.
Domani invece a Roma il commissario e i sindaci mugellani si incontreranno presso il Ministero dello Sviluppo Economico.