, ,

Guerini: “Muriel è devastante. Chiesa? Nessuno può resistere…”

Vincenzo Guerini, grande ex viola che da allenatore, nel 1994, ha toccato la panchina del Napoli, è intervenuto quest’oggi ai microfoni di Lady Radio nel corso di ‘Radio Viola’ soffermandosi sulle parole rilasciate da Federico Chiesa a Sportweek: “Dispiace dirlo, ma la realtà è questa: è quasi impossibile che un giocatore resista alle richieste che arrivano. Non è colpa di nessuno, è la società che è diventata così, basta guardare Hamsik. Le bandiere non esistono più. Fare uno sforzo economico e cercare di tenere il numero 25 viola un altro anno è il massimo che possa fare la Fiorentina. Se riescono a trattenerlo, dovranno rinforzare la squadra, altrimenti è tutto inutile”.

Sulla gara tra Fiorentine e Napoli: “E’ una partita particolare, lo scorso anno la Viola ha fatto perdere lo Scudetto agli azzurri. Vincere a Firenze è sempre difficile per tutti, Napoli compreso. I ragazzi di Pioli si troveranno davanti una squadra matura e collaudata: non si può lasciare il pallino del gioco sempre in mano del Napoli”.

Sulle tante assenze in casa viola: “Le assenze potrebbero pesare, Pioli non ha molte opzioni oggi contro il Napoli. In attacco schiererei Gerson o Mirallas insieme a Muriel e Chiesa. Con Simeone nel tridente, Chiesa sarebbe costretto a fare un lavoro incredibile”.

Su come è cambiato il Napoli da Sarri ad Ancelotti: “Il tecnico ex Milan ha dato maggiore sicurezza e solidità. Senza la Juventus, i partenopei avrebbero vinto qualche Scudetto negli ultimi anni. Ancelotti è un allenatore che ha vinto ovunque, non ha bisogno di presentazioni”.

Su Muriel: “In passato tutti avevamo messo gli occhi su Muriel, a Montella piaceva moltissimo. Non si può discutere il colombiano, è impossibile da fermare, è devastante. Il suo problema è sempre stata la continuità. Firenze potrebbe essere la piazza giusta dove sentirsi apprezzato e coccolato”.