, ,

Corvino: “Montella scelta condivisa, i comunicati come risposta alle fake news”

Pantaleo Corvino, dg della Fiorentina, ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico Vincenzo Montella.Queste le sue parole: “Da responsabile ti trovi a dover affrontare situazioni inaspettate e trovare soluzioni all’altezza del momento. La scelta di Vincenzo oltre che la scelta più veloce è stata la migliore e condivisa da tutti. Per lui parla la sua storia, conosce la Fiorentina e Firenze. Un responsabile deve trovare soluzioni che rispondano al meglio, anche in un momento in cui non è mai piacevole come quello di cambiare in corsa. Esserci riusciti in così poco tempo rende contento me e la proprietà. Vincenzo è una soluzione per il presente e per il futuro, visto che l’accordo è fino al 2021”.

Sui comunicati delle scorse ore e gli effetti: “Non vorrei tornare sull’argomento, qui è occasione per parlare di calcio. Io so l’arte del fare, voi quella del parlare e tutto il mondo dovrebbe imparare come ho imparato io da voi. Mi avete insegnato che anche le false notizie possono diventare vere. Giusto anche che chiunque possa dire la sua, ognuno poi può credere da sé sul dove stia la verità. Se non c’è contrapposizione ad una notizia falsa, però, questa diventa vera. La mia proprietà ha letto qualcosa che non ha ritenuto vero, dicendo la sua verità. Oggi tutti sanno che uno ha detto una cosa e una proprietà ha detto un’altra. Sono usciti dei comunicati ai quali, se non avessimo risposto, sarebbe stato dato il peso della verità. Il secondo comunicato è figlio di un altro comunicato. La proprietà ha il suo stile, ognuno il suo, e quello che viene detto da un tesserato o dipendente non va bene se non ne è al corrente, se non c’è una sua veduta. Diventa una cosa poco seria”.

Sullo scambio di vedute tra lui e Montella: “Con coraggio e rischio abbiamo iniziato un altro ciclo. Sapete che quello iniziato l’anno scorso è finito. Per essere velleitari domani, dobbiamo rischiare qualcosa oggi. L’anno scorso l’Europa l’abbiamo persa in casa col Cagliari, la possibilità di giocarsi l’entrata andando a Milano. Vi leggo un importante cronista e giornalista di Firenze cos’ha scritto, datato 23 dicembre: “Il fatto che la Fiorentina sia a 3 punti dal 4° posto spiega bene il livello in cui si è ridotto questo campionato”. A dir la verità non me ne sono mai accorto, una settimana prima che arrivasse Muriel, che fossimo in lotta per la Champions. Pensavo avessimo allestito una squadra da ultimo posto in classifica. Poi è arrivato Muriel che ha portato 8 gol e la Fiorentina oggi ha difficoltà, vincendo poco. Lo ammetto. La scelta di Montella avvalora un modello in cui crediamo molto ed è la dimostrazione che il presente, per farlo a modo nostro, è rischioso e coraggioso e va supportato. Abbiamo bisogno di avere i tifosi sempre vicini, a volte abbiamo chiesto anche a voi di essere supportati. C’è chi l’ha fatto e chi meno ma continuo a chiedervelo. Questa è la strada, non ce ne sono altre”.