, ,

FiPiLi, “Operai florovivaisti per stendere l’asfalto e montare le barriere”

Carletti (Cgil): “La ditta non applica il contratto dell’edilizia, problema sicurezza”. Ma lavorare di notte si potrebbe

“E’ corretto che venga applicato il contratto multiservizi invece di quello edili, e che quindi coloro che stendono l’asfalto o montano le barriere siano magari dei florovivaisti?”. La domanda arriva dal sindacalista degli edili Marco Carletti, segretario fiorentino della Fillea-Cgil. Poche parole che pesano come macigni sui cantieri della Firenze-Pisa-Livorno aperti da alcuni giorni tra Montelupo e Ginestra. “L’impresa che si è aggiudicata i lavori applica il contratto multiservizi, che sarebbe corretto applicare a chi svuota i secchi dell’immonidizia nelle aree di sosta e a chi pota le piante intorno alle aree di servizio”. Non certo a chi deve asfaltare. La differenza è sostanziale: il contratto nazionale multiservizi, spiega Carletti, non prevede le ore di formazione necessarie a tutela della sicurezza degli operai. Già, perché di sicurezza si era parlato giustificando la scelta di non lavorare la notte sulla Fi-Pi-Li. “Non c’è una differenza di sicurezza tra il giorno e la notte. I lavori stradali sono pericolosi se non vengono adottate le precauzioni che non sono solo le lampade o le segnalazioni, ma sono soprattutto la formazione specifica”, prosegue Carletti. Lavorare di notte sulla strada di grande comunicazione “si può fare, come si può fare in tutti i posti in cui gli edili lavorano su tre turni avvicendati; solo che lavorare la notte costa qualche centesimo in più, e quindi la logica del massimo ribasso degli appalti viene meno”. ASCOLTA E GUARDA DAL GR DEL MATTINO

AGGIORNAMENTO 18/06/2019

L’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Toscana, Vincenzo Ceccarelli, ha smentito che risultino al lavoro sulla FiPiLi operai non inquadrati con il contratto collettivo dell’edilizia. Ascolta dal gr di stamani.