, ,

Coltello alla gola la sera di Natale, ragazzino rapinato dei regali

Portati via soldi, vestiti e le scarpe avute in dono. L’episodio a Brozzi

Ha già dovuto fare i conti con una violenza feroce ben più grande dei suoi tredici anni. Ernesto, lo chiameremo così per tutelarne la privacy, ha conosciuto la furia cieca di chi ti punta un coltello alla gola per portarti via tutto quello che hai addosso.
Torniamo indietro alla sera del 25 dicembre. Siamo a Brozzi, sono passate da poco le 22, Ernesto ha appena cenato con gli amici ed ora passeggia per strada, ai piedi le scarpe nuove ricevute come regalo di Natale. La compagnia si sta pian piano sciogliendo. Quando arriva in via della Sala, è rimasto in compagnia di due ragazzine quando un uomo si avvicina. Prima punta le due coetanee, ma Ernesto ne prende le difese: loro riescono a scappare e cercano subito aiuto, ma il tredicenne si ritrova a tu per tu con il delinquente che estrae il coltello e glielo punta alla gola. La richiesta è categorica: devi darmi tutto. Soldi, telefono, giubbotto. Pure le scarpe nuove. Pochi attimi terribili, poi il rapinatore scappa con il bottino. Ernesto chiede aiuto, riesce a contattare la famiglia, il padre corre sul posto e lo trova scalzo e infreddolito. Arrivano anche i carabinieri, la gente del rione, e pure qualche amico e conoscente. Fausto, uno di questi, ha raccontato l’episodio a Lady Radio.
Ascolta e guarda dal gr del mattino.