, ,

Quarantena obbligatoria al ritorno dalla Cina? “Sono favorevole, è buonsenso”

Francesco Xia e Massimiliano Jiang, autori del video “Non sono un virus”, ospiti a Lady Radio

Contro il pregiudizio, ma favorevoli a misure anche drastiche per contenere la paura. Massimiliano Martigli Jiang e Francesco Xia sono i due giovani italo cinesi tra gli autori del video “Non sono un virus”, girato nei giorni scorsi nel centro di Firenze in risposta ad un alto firmato con insulti razzisti rivolti ad alcuni turisti sui lungarni. Ospiti stamani del gr del mattino, hanno raccontato cos’è cambiato per chi ha i lineamenti orientali ai tempi dell’emergenza coronavirus. Ci sono i ristoranti cinesi che si svuotano, come quello gestito dalla sorella di Francesco al Galluzzo, ma ci sono anche i colleghi che mantengono l’atteggiamento di sempre, come raccontato da Massimiliano. E rispetto alla paura nelle scuole e all’ipotesi di una quarantena che resta volontaria – sebbene caldeggiata dalle autorità sanitarie – per gli studenti di ritorno dalla Cina? “Penso che la quarantena sia una cosa giusta – si sbilancia Francesco – e la gente responsabilmente la sta già facendo. Penso che ci vorrebbe un’obbligatorietà: due settimane a casa. Questo potrebbe togliere un po’ di paura che c’è in giro. Non è razzismo, è buonsenso, potrebbe essere utile”. Ascolta e guarda dal gr del mattino.