, ,

Coronavirus, da lunedì in Toscana medici itineranti per visitare i pazienti e fare tamponi a casa

Accordo chiuso in mattinata. Tutti i giorni dalle 8 alle 20 saranno attive 34 unità speciali

Andranno a casa dei malati per visitarli e per fare i tamponi se lo riterranno necessario: da lunedì prossimo, 34 unità speciali composte da medici e infermieri gireranno il territorio delle province di Firenze, Prato e Pistoia, sette giorni su sette, dalle 8 alle 20. L’accordo che conferma l’inizio con il primo giorno della prossima settimana (anticipato dal Corriere Fiorentino) è stato raggiunto poco prima delle 11 di stamani, come ha spiegato a Lady Radio il segretario fiorentino della Fimmg, il dottor Vittorio Boscherini. “Sono unità speciali composte da medici che volontariamente hanno fatto domanda, in tutto 283”. “L’accordo è definito, sarà deliberato in giornata dall’azienda sanitaria. Ci saranno 34 postazioni e 34 medici che non faranno solo tamponi, e saranno affiancati da personale infermieristico. Avranno il compito di assistere i pazienti affetti dal Covid-19 che non hanno bisogno di ricovero in ospedale, e i sospetti malati”. Già, i sospetti: “La nostra Regione ha deciso di fare tamponi non solamente a coloro che sono sintomatici ma ai cosiddetti sospetti”, cioè le persone che potrebbero aver contratto il coronavirus ma hanno pochi sintomi. Le 34 squadre saranno dotate di mascherine professionali e di tutti i dispositivi di protezione individuali necessari allo scopo. L’accordo coinvolge anche la Croce Rossa Italiana, che parteciperà con alcune ambulanze attrezzate. Mandare i medici, in condizioni sicuri, a visitare i pazienti a casa avrà anche un altro importante effetto, spiega ancora Boscherini: “Noi stiamo ponendo l’attenzione sul Covid-19 ma abbiamo una popolazione anziana che ha il diabete, che ha scompensi cardiaci, che ha malattie croniche. In ambulatorio non viene più quasi nessuno e stiamo trascurando la gestione di queste malattie”. Ascolta l’intervista.