, ,

Cassintegrato deve pagare l’acqua agli inquilini morosi: “Mi stanno rovinando”

La storia di Lorenzo, l’intervento della Federconsumatori: “Serve una rateizzazione”

L’affitto di quell’appartamento doveva essere il puntello per i bilanci della sua famiglia, invece la sta portando sul baratro. Lorenzo, la moglie e i due figli sono a loro volta inquilini in un alloggio in locazione. L’affitto della casa che fu dei genitori di Lorenzo avrebbe dovuto sostenere i precari equilibri finanziari di una famiglia che, come tante, si trova alle prese con forme di lavoro non stabili. Ma l’illusione di un futuro più tranquillo è svanita dopo poco. Da un anno gli inquilini di Lorenzo hanno smesso di pagare l’affitto e quell’entrata importante per far quadrare i conti è saltata. A dicembre Lorenzo vince la causa di sfratto: sembra ormai questione di poco per rientrare in possesso dell’appartamento, invece con la pandemia la situazione precipita: lo sfratto non viene eseguito, Lorenzo resta senza lavoro, con un sostegno di appena 280 euro, la moglie che è precaria della scuola percepirà un assegno di disoccupazione. E intanto, per i consumi degli inquilini sotto sfratto, Lorenzo riceve bollette dell’acqua da ben 300-400 euro l’una. Deve farsene carico lui e non può chiedere la chiusura della fornitura, perché il contatore è condominiale. “Io non sono un palazzinaro, questo appartamento ci serve per far fronte a questa situazione di precarietà, abbiamo due bambini piccoli, e sarà un appoggio anche su una pensione minima che entrambi percepiremo. Se gli inquilini tengono l’acqua aperta tutto il giorno possono rovinarmi”. Non si capacita: “Io sono quello onesto, ho sempre pagato tutto”, ma adesso rischia il tracollo finanziario della sua famiglia e la legge non gli consente margine di manovra. “Chiedo a Publiacqua di mettersi una mano sul cuore e applichino la tariffa del consumo primario d’acqua”. La situazione è complicata anche dalla presenza di un ulteriore soggetto, la ditta letturista. “Chi emette le fatture dovrebbe fare una rateizzazione nel tempo”, suggerisce Massimo Falorni presidente di Federconsumatori Toscana. L’associazione di consumatori sta assistendo Lorenzo per trovare una via d’uscita alla sua situazione.

Ascolta l’intervista a Lady Radio.