, ,

Mostro di Firenze, il libro di Cochi inibito da un giudice

Effetto di un’ordinanza nei confronti dell’editore per una questione economica

Uno dei testi più importanti e completi sui delitti del mostro di Firenze è bloccato per decisione di un giudice: si tratta del libro di Paolo Cochi “Mostro di Firenze – al di là di ogni ragionevole dubbio”, presentato lo scorso maggio e al momento non più disponibile. Che cosa è successo? Un’ordinanza di un giudice del tribunale per le imprese di Venezia ha disposto una misura cautelare ex art. 700 nei confronto della casa editrice, inibendola dallo stampare, pubblicare, pubblicizzare, distribuire e commercializzare ulteriori copie del volume”. Le motivazioni del provvedimento, che anticipa la causa sul merito,  non riguardano l’autore del volume, ma  rivendicazioni di terzi anche di natura economica. La casa editrice ha impugnato il provvedimento. “Innanzi tutto – commenta l’autore Paolo Cochi –  bisogna specificare che trattasi di una Ordinanza temporanea e non di Sentenza. Sul merito della presunta violazione del ‘marchio’ ancora non si è discusso nelle sedi opportune. A dir poco singolare il fatto che con motivi cautelari , prima della causa sul merito, si impedisca la diffusione di un testo. Non mi risulta ci sia mai stato un precedente del genere in Italia”. Cochi dice di non voler “minimamente pensare che il ‘problema’ riguardi i contenuti del libro”. “Mi sembra sconcertante – prosegue lo scrittore – che venga di fatto impedita la diffusione di un libro che ha una valenza importantissima per la libertà di cronaca su eventi che hanno colpito in modo atroce l’Italia negli anni 80 e che ancora oggi  sono irrisolti. Eventi a cui il libro tentava di fare chiarezza. Spero che non sia stato questo tentativo di fare chiarezza ad aver dato fastidio”. Intanto, dopo il blocco della vendita del libro, qualcuno ha pensato di metterlo in vendita su un noto portale online al prezzo di 300 euro a copia (specificando che la spedizione è gratuita…)