, ,

Bonaventura: “Bisogna essere umili, l’anno scorso troppe aspettative”

A prendere la parola al termine dell’allenamento di questa mattina è stato il centrocampista Giacomo Bonaventura, che ha fatto un bilancio sulla prima settimana di ritiro. Ecco le sue parole: 

Su cosa gli chiede Italiano: “Il mister sta cercando di far capire cosa vuole, serve un po’ di tempo, sta passando il suo messaggio e questa è la cosa più importante. Mi aspetto di dare il massimo come ho sempre fatto e penso di poter ottenere risultati migliori dell’anno scorso. Il mister, essendo stato un centrocampista sa cosa chiedere ai suoi giocatori: quando ero a Padova ho giocato con lui, io ero in prestito mentre lui era a fine carriera. Sono felice che sia venuto qua: spero che possa essere una buona annata per la Fiorentina”.

Sul clima che sta respirando: “Con l’allenatore e la metodologia nuova è tutto diverso. Sicuramente vogliamo fare un’annata migliore dell’anno scorso, quando arriverà il campionato vogliamo giocare con voglia e con un calcio propositivo”.

Se si sente un leader e sui giovani: “Ci sono tanti giovani qui, stanno lavorando bene e questo è l’importante. Bisogna fare fatica, quando arriverà il campionato ci saranno momenti anche difficili per cui dobbiamo essere pronti a tutti. Io un leader? Sono uno dei giocatori con più esperienza, sento di avere responsabilità ma tutti in un gruppo si devono sentire importanti”.